Alimentazione e ritenzione idrica

La cura della ritenzione idrica si basa sulla correzione delle cause che hanno dato origine al disturbo: è indispensabile correggere anche alcuni errori a tavola.

Una dieta ad alto contenuto di scorie (fibra alimentare) aumenta infatti la motilità intestinale e allontana il pericolo di stitichezza, un disturbo che ostacola il deflusso venoso a livello addominale. Una dieta ricca di fibre, di alimenti disintossicanti e povera di carboidrati è il primo passo per prevenire il problema della ritenzione idrica o per correggerlo, laddove esista già.

È quindi importante consumare molta frutta e verdura e in particolare quella ricca di acido ascorbico, ovvero la vitamina C, che protegge i capillari sanguigni. Via libera quindi ad agrumi, ananas, kiwi, fragole, ciliegie, lattuga, radicchio, spinaci, broccoletti, broccoli, cavoli, cavolfiori, pomodori, peperoni e patate, soprattutto se novelle.

Un ottimo aiuto per drenare e sgonfiare è un bel bicchiere di acqua e limone alla mattina, un vero toccasana per la linea e la regolarità intestinale.

Potete anche aggiungervi un po’ di zenzero, in generale un alimento ottimale per perdere peso ed evitare gonfiore e pesantezza: ci sono molte ricette dolci e salate a base di questo alimento detox, non così conosciuto e utilizzato purtroppo, che sono un vero aiuto per chi soffre di ritenzione e cellulite.

Bere acqua è il modo migliore per correggere o prevenire il problema della ritenzione idrica: dovreste berne almeno due litri al giorno, cercando di evitare bevande gassate e limitando bibite eccessivamente dolci o alcoliche. Il corpo umano è composto per il 90% da acqua e quando non è sufficientemente idratato, come “meccanismo di difesa”, trattiene l’acqua che va ad accumularsi negli spazi extra-cellulari causando gonfiore, soprattutto nelle estremità del corpo.

Soffro di ritenzione idrica alle gambe? I sintomi per capirlo

Un gesto semplice per verificare se effettivamente si soffre di ritenzione idrica alle gambe è premere con forza il pollice sulla parte anteriore della coscia per un paio di secondi. Se dopo aver tolto il dito rimane ben visibile l’impronta, siamo con tutta probabilità in presenza di ritenzione idrica.

Un altro segno piuttosto visibile è la presenza di cellulite, soprattutto sulle cosce, generalmente il risultato di una vita sedentaria, di una idratazione insufficiente e di cattive abitudini alimentari 

Un aiuto per combattere gonfiore e pesantezza è effettuare un massaggio anti-cellulite in modo corretto. Proprio così, con le giuste creme e un corretta esecuzione del massaggio si possono ottenere dei buoni risultati, anche con il fai da te.

Richiedi il tuo video con la guida completa per eseguire un corretto massaggio a casa e tanti consigli pratici.

La coppetta e i suoi benefici

Tutti possono ricavare dei benefici dalla Coppettazione:

– gli sportivi per alleviare tensioni muscolari e recuperare da affaticamenti;

– gli anziani per alleviare le sintomatologie dolorose dell’apparato locomotore;

– chi lamenta senso di pesantezza agli arti inferiori

– persone che svolgono lavori usuranti che tendono a sovraccaricare specifici distretti muscolari

– per problematiche cervicali e lombari

– per fattori di ritenzione e gonfiore

– effetto rimodellante

Kinesio Taping… cos’è?

cos’è il Kinesio taping
➡️ è un bendaggio con cerotti colorati utilizzato per:
ridurre il dolore, drenare il gonfiore, migliorare la postura, facilitare un precoce ritorno all’attività e sostenere durante la performance sportiva
➡️ il suo funzionamento è interamente meccanico visto che nessuna sostanza viene rilasciata dal bendaggio

 

…a proposito di massaggio linfodrenante!

➡️ il massaggio linfodrenante richiede un trattamento periodico e continuativo per poter ottenere risultati sufficienti
➡️ per il gonfiore alle gambe, ad esempio, 2 o 3 trattamenti alla settimana per 4 settimane sono un buon punto di partenza

👉 provalo al Panta Rei
📞 3928716714

Item added to cart.
0 items - 0,00
Open chat
Powered by